Ecco come trasformare lo sprawl urbano in una città zero-net. Lezioni da Melbourne

Ecco come trasformare lo sprawl urbano in una città zero-net. Lezioni da Melbourne

L'attenzione dei leader alla COP26 si è comprensibilmente concentrata su questioni nazionali in un contesto globale. Ma la crescita delle città attraversa i confini nazionali. In particolare, le tentacolari città dell'emisfero meridionale aggravano la crisi climatica e minacciano la salute sociale e finanziaria delle comunità urbane. Entro il 2050 , il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città. Non possono essere trascurati. Se l'urbanizzazione deve essere un passo positivo verso lo zero netto, il processo deve essere ben pensato e pianificato anziché il risultato di speculazioni e insediamenti informali.

Creare urbanizzazione positiva

Affinché l’urbanizzazione abbia benefici sociali, ambientali e finanziari, i seguenti sei fattori sono cruciali:

  • Insediamenti urbani densi

Gli insediamenti urbani devono essere costruiti a una densità che crei una massa critica in grado di supportare i servizi essenziali di una comunità come il trasporto pubblico, i servizi sociali e commerciali. Senza densità produciamo semplicemente aree residenziali dormitorio che richiedono una soluzione di trasporto basata su auto priva dei servizi essenziali che fanno funzionare i luoghi. Ciò si traduce in isolamento sociale con alti costi personali e della vita.

  • Quartieri a uso misto

Il secondo elemento essenziale è che queste aree devono essere utilizzate in modo misto in cui la comunità locale possa accedere a tutto ciò di cui ha bisogno per la propria vita quotidiana entro 20 minuti a piedi. L’uso misto non è solo essenziale per la facilità di accesso e garantisce che la costosa infrastruttura, necessaria per le aree urbane di successo, sia utilizzata al meglio eliminando i picchi e gli avvallamenti dei quartieri monouso. Il lavoro a distanza durante il COVID ha illustrato come l’uso misto sia essenziale per rendere le nostre aree locali più accessibili e vivibili. Può anche aiutare a ridurre la congestione e risparmiare tempo speso in lunghi viaggi di pendolarismo.

  • Collegato con i mezzi pubblici

Le comunità devono essere ben collegate consentendo un facile accesso sia a livello locale che all’interno delle aree metropolitane. Ciò consentirà un migliore equilibrio tra tutti i modi di trasporto e aiuterà a uscire da una società basata sull’automobile. Le strade, che costituiscono l’80% dello spazio pubblico nelle città, possono diventare più orientate alle persone, come nel caso delle città compatte dell’emisfero settentrionale, che producono una vita di strada più sana e meglio attivata.

  • Spazio pubblico accessibile

Con la densità, le persone usate miste e ben collegate, la sfera pubblica migliora. Strade con caffè all’aperto e negozi, strade alberate e sentieri allargati saranno luoghi in cui abitare piuttosto che semplicemente correre. Le strade sono dove dovremmo vivere le nostre esperienze democratiche e sociali. Dovrebbero essere spazi inclusivi, sicuri e vibranti e luoghi in cui ci incontriamo, commerciamo o semplicemente osserviamo la vita quotidiana.

  • Soluzioni locali

È importante sottolineare che, mentre costruiamo questi luoghi, devono essere costruiti in armonia con la loro posizione. Devono riflettere il clima locale e l’estetica che risulta da una risposta a basso consumo energetico al carattere locale dell’edificio. Le soluzioni generiche che dipendono dalla spedizione, dall’aria condizionata e che sembrano tutte uguali sono in contrasto con le ambizioni net zero. Le generazioni e le comunità precedenti hanno compreso in modo innato i problemi e costruito soluzioni semplici: dovremmo imparare le loro lezioni nella progettazione dei nostri edifici futuri.

  • Priorità all’adattabilità

Infine, dobbiamo renderci conto che viviamo già in città che sono poco adattate a una vita netta zero e hanno bisogno di impiegare l’adattabilità per raggiungere le caratteristiche essenziali sopra elencate. L’adattamento incrementale ha visto Melbourne convertire edifici per uffici obsoleti in appartamenti residenziali, l’asfalto in spazi aperti e percorsi pedonali allargati per trasformare l’isola di calore urbana in una foresta urbana.

Queste sei mosse chiave possono cambiare drasticamente le nostre città a basso costo per migliori risultati sociali ed economici.

Implementazione delle modifiche

I governi statali e locali – così come i pianificatori urbani – possono implementare questi e altri elementi . Cambiare città è spesso visto come un processo lento e costoso senza risultati rapidi, quindi i politici e i loro consiglieri tendono a evitarlo.

Le città tentacolari nell’emisfero australe sono simili in molti modi, anche se possono esistere all’interno di strutture economiche e sociali diverse. Molte sono state progettate come città coloniali: un modello a griglia con un forte nucleo centrale circondato da periferie tentacolari, ciascuna servita da un centro di attività locale con servizi al dettaglio e locali.

Lezioni da Melbourne

Immagine: Città di Melbourne

Nel caso di Melbourne, una città di 5 milioni di abitanti , la ricerca ha mostrato come il raddoppio della popolazione potrebbe essere accolto solo sul 7,5% del territorio metropolitano esistente e da edifici in aree non superiori a 5-8 piani di altezza. Il 7,5% del territorio si trova lungo i corridoi di trasporto, intorno alle stazioni ferroviarie, nei centri di attività e nei siti grigi.

Il risparmio sui costi di un maggiore utilizzo dell’infrastruttura sottoutilizzata esistente sarebbe di 1,1 miliardi di dollari australiani per ogni milione di persone aggiunte all’area metropolitana.

Non ci sarebbe più bisogno di consumare ricchi terreni agricoli ai margini della città, o di collocare comunità in aree dove ci sono servizi limitati, lontani dall’occupazione, che richiedono alle famiglie di possedere più auto per accedere ai servizi di cui hanno bisogno. Queste aree mettono un numero crescente di famiglie in uno stress sociale e finanziario a causa degli alti prezzi dei mutui e della benzina, ha ricercato la Griffiths University.

Immagine: Città di Melbourne

Al contrario, negli ultimi 35 anni la ben collegata città centrale di Melbourne si è concentrata sull’aumento della sua densità, producendo un migliore equilibrio degli usi e adattando la sua area pubblica convertendo 80 ettari di asfalto in percorsi pedonali allargati. Ciò ha portato a spazi aperti e alberi lungo le strade. Promuove le passeggiate a piedi, in bicicletta e il trasporto pubblico.

Melbourne è diventata una delle città più vivibili del mondo, dove gli attuali prezzi degli affitti nel centro città sono tra i più bassi del paese. Questo, combinato con tempi di spostamento ridotti e la ridondanza di un’auto, rende la città centrale una delle città interne più convenienti in Australia.

Una transizione essenziale per le città sostenibili

Il passaggio dalle città tentacolari alle città compatte dipende dalla leadership nazionale. Non è difficile, ma piuttosto essenziale, se le nostre città devono diventare sostenibili, socialmente coese ed economicamente vincenti.

Il compito, come sopra illustrato, non richiede modifiche all’intera area metropolitana ma a circa il 7,5% delle nostre città – aree vicine ai corridoi di trasporto pubblico e intorno ai centri di attività esistenti.

Il restante 92,5% vedrebbe cambiamenti incrementali come il solare sul tetto, le batterie localizzate, il bacino idrico e le foreste urbane. Melbourne sta già facendo tutto questo.

Questi, combinati con l’aumento del ciclismo, del camminare e dei nuovi tram senza binari sviluppati in Cina, stanno vedendo il costo delle infrastrutture sostenibili ridursi e diventare più accessibili e resistenti. Le nostre periferie potrebbero diventare estesi cunei verdi conservando molte delle caratteristiche essenziali per cui sono valorizzate.

Il centro di Melbourne ha mostrato la strada e ha dedicato gli ultimi 30 anni a questa transizione. Se i prossimi 30 anni venissero spesi per la transizione della nostra area metropolitana e altre città seguissero l’esempio, il viaggio verso lo zero netto diventerebbe più realizzabile. Come sottoprodotto, le nostre città diventerebbero più vivibili.

Accanto agli impegni assunti dai leader alla COP26 per salvare la nostra foresta, deve esserci un impegno da parte dei leader per aiutare e consentire alle città di crescere, secondo gli ingredienti noti delle città sostenibili e vivibili.


Credit: https://www.weforum.org/agenda/2021/11/urban-sprawl-to-net-zero-melbourne/