Il teatro Vittoria ed il suo comparto a Pennabilli (PS). Ipotesi di consolidamento ed adattamento.

Il teatro Vittoria ed il suo comparto a Pennabilli (PS). Ipotesi di consolidamento ed adattamento.

Relatore: Prof. Ing.L. Nizzi Grifi
Correlatore/i: Prof. Arch.S. Van Riel
Laureando/i: Iader Carlini, Giancarlo Silvi
Anno accademico: 1986/1987

Abstract

PREMESSA

 

Questo studio sul “TEATRO VITTORIA” di Pennabilli si inserisce nel quadro di indagini sui teatri storici italiani, mosso dall’intento di catalogarne le forme e le dimensioni, recuperarne la storia, conoscere ed analizzare il loro stato di conservazione nonché l’attuale destinazione d’uso. Con l’avvento del cinematografo di massa ed il conseguente progressivo decadere dello spettacolo teatrale, si è infatti persa la coscienza dell’entità e dell’im-portanza di questo straordinario patrimonio monumentale.

Molti degli antichi edifici giacciono così in stato di abbandono, rischiando trasformazioni o demolizioni, mentre assai problematici si presentano anche gli interventi di restauro che troppo frequen-temente non si calano all’interno della realtà storica dell’edificio.

La causa delle numerose demolizioni che hanno colpito edifici ottocenteschi e teatri più tardi (costruiti ancora nei primi anni del novecento), è da ricercarsi negli interventi di totale trasformazione dell’edificio (il boom del cinema ha in questo senso prodotto molti danni) o nella demolizione per degrado. Un numero non trascurabile di teatri è stato poi direttamente colpito da bombe aeree nel corso dell’ultimo conflitto bellico. Se nella maggior parte di questi ultimi casi la distruzione è stata irrimediabile e totale, in qualche caso era invece certamente possibile tentare il recupero: soprattutto se l’edificio era tale da meritare attenzione (come ad esempio il teatro di Rimini, costruito dal Poletti nel 1840-51) e la distruzione soltanto parziale: purtroppo erano gli anni di maggiore disinteresse nei confronti del teatro. 

Solo da pochi anni gli studiosi hanno coscienza dell’importanza degli edifici teatrali; non solo dal punto di vista tipologico ma in quanto organismi che fanno parte di un tessuto edilizio e quindi urbano. Il nostro studio verterà appunto su questi due aspetti.