Scuola primaria statale “G.B.Del Puglia” a Figline Valdarno (FI) ipotesi di riabilitazione architettonica strutturale e funzionale

Scuola primaria statale “G.B.Del Puglia” a Figline Valdarno (FI) ipotesi di riabilitazione architettonica strutturale e funzionale

Relatore: Prof. Arch. Silvio Van Riel
Correlatore/i: Ing. Luca Lardani
Laureando/i: Andrea Fabbricanti
Anno accademico: 2011/2012

Abstract

La presente tesi ha come oggetto il miglioramento sismico e l’adeguamento normativo in materia di abbattimento delle barriere architettoniche, prevenzione incendi e risparmio energetico, di un edificio pubblico che comprende la scuola “G.B. Del Puglia” e la piscina del comune di figline valdarno.

questa si inserisce nell’ambito degli interventi previsti dalla regione toscana sugli edifici considerati strategici, tra i quali rientrano scuole ed edifici connessi, ospedali, uffici pubblici e tutti quei fabbricati in cui trovano sede funzioni fondamentali per la società, che devono rimanere inalterati anche in caso di sisma.

l’edificio rientra nel novero delle costruzioni realizzate nel decennio 1970-’80 per soddisfare una crescente domanda conseguenza dell’aumento demografico seguito al boom economico degli anni precedenti, più precisamente la scuola nasce sotto l’egida della legge n°641 del 1967 “edilizia per la scuola elementare secondaria, artistica, e per gli istituti di educazione” e successive modificazioni e integrazioni, il progetto è approvato nel 1975 e la costruzione si protrae fino al 1979.

la costruzione quindi è seguente all’emanazione delle due leggi sulle costruzioni in cemento armato e sulle costruzioni in zona sismica (rispettivamente legge n°1086 del 1971 e n°64 del 1974) ma si ricorda che il comune di figline v.no entra a fare parte dell’elenco dei comuni sismici soltanto con la riclassificazione regionale del 1982.

questo fa dell’intervento in oggetto un caso di studio con valore tipologico in quanto riguarda un edificio in cemento armato di recente costruzione ma privo dei presidi antisismici e con carenze in fatto di resistenza e duttilità dovute ad un approccio progettuale non più in linea con le attuali normative.

lo studio, che ha come finalità la valutazione della sicurezza sismica e l’eventuale riabilitazione strutturale si sviluppa nei seguenti punti:

 – il percorso conoscitivo, che ha inizio con la ricerca documentale, continua con il rilievo architettonico e strutturale al fine di individuare i sistemi resistenti e termina con la caratterizzazione dei materiali e del loro stato di degrado.

– la determinazione dei livelli di conoscenza raggiunti e dei relativi fattori di confidenza, la scelta della tipologia di analisi e la realizzazione del modello strutturale che porta all’individuazione delle vulnerabilità della struttura suggerendo le verifiche necessarie.

– le conclusioni che indicano le possibili soluzioni progettuali per un corretto miglioramento sismico e adeguamento normativo, che utilizzi tecniche compatibili con la struttura originaria.

 

In quest’ottica il progetto di consolidamento è pensato nel rispetto del fabbricato esistente e del suo valore e significato all’interno dell’edificato del paese.

La scelta del tipo di intervento tiene conto del miglioramento delle prestazioni di resistenza e duttilità senza produrre un deleterio aumento di rigidezza della struttura.

Infine un aspetto da non sottovalutare è la possibilità di impiego di materiali che rientrano nelle normali tecniche costruttive ai fini di ridurre i costi dell’intervento e renderlo economicamente sostenibile in quanto nonostante il relativo valore storico e culturale dell’edificio questo riveste un ruolo di importanza fondamentale nel contesto comunale.

 

Inglese

This thesis deals with the subject of improving seismic design of reinforced concrete and masonry buildings and ensuring regulatory compliance for the removal of architectural barriers, fire prevention and energy savings involving a public building, the school “GB Del Puglia” and a swimming pool in the town of Figline Valdarno.

This is one of the interventions being organized by the Region of Tuscany on buildings considered to be strategic such as schools and related buildings, hospitals, offices and public buildings.  These places and their safety are critical to the community and they must remain unchanged in case of an earthquake.

This particular building was built during the years 1970 – ’80 to meet a growing demand due to the population growth and economic boom. The school was founded under the auspices of the Law No. 641 of 1967,  “housing for secondary schools, artistic, and educational institutions”,  the project was approved in 1975 and construction continued until 1979.

The construction was followed by the enactment of two new laws on construction and concrete buildings in seismic areas (respectively, Law No. 1086 of 1971 and No. 64 of 1974) but the City of Figline v.no was only recognized as a seismic hazard later in the reclassification of 1982.

This presents a categorical case study of a reinforced concrete building that was recently built, but is devoid of anti-seismic principals and lacking in strength and ductility due to a design approach that is no longer in line with current regulations.

The goal of this study is to evaluate seismic safety and structural rehabilitation potential and has been developed into the following points:

 – The cognitive process will begin with documentary research, continue with relevant architectural and structural systems in order to identify resistant systems, ending with the characterization of materials and their degradation.

– Determining levels of knowledge attained and their confidence factors, choosing the type of analysis and implementation of a structural model will lead to the identification of the vulnerability of the structure in order to propose the necessary verification.

– The conclusions indicating possible design solutions for proper seismic improvement and regulatory compliance will use techniques compatible with the original structure.

 

In this context, the consolidation project can be designed in compliance with the existing building and natural surroundings.

In choosing the type of intervention,  performance improvement of strength and ductility should be taken into account without producing a deleterious increase in structural stiffness.

Finally, an important aspect to consider is operation costs. By using materials for normal construction techniques the work can be made economically sustainable for the community.  Although the building is of  historical and cultural value, cutting costs will play an important role for the city council .